Avvocato360 Logo
Hai bisogno di un avvocato esperto?
Contatta avvocati
Scrivici il tuo caso: lo analizzeremo e ti metteremo in contatto con l'Avvocato più preparato nella tua zona.

Richiesta inviata con successo.

Verrai contattato e riceverai i nostri preventivi entro 24 ore.

Invio richiesta in corso...

Civile

05/02/2019

Cannabis legale: cosa dice la legge italiana?

di Redazione avvocato360
Cannabis legale: cosa dice la legge italiana?

La cannabis legale, è anche definita canapa ed è diventata legale in Italia a partire da 2016, con la legge 242. Si tratta di una marijuana depotenziata, nella quale il THC, tetraidrocannabinolo, non deve superare lo 0,2% per i venditori e lo 0,6% per gli agricoltori.

Il tema legato alla cannabis è delicato, ci sono molte implicazioni politiche e sociali, ed è necessario distinguere alcune tipologie: la marijuana legale, terapeutica e illegale.

In ogni caso la cannabis è una pianta ricca di storia, utilizzata anche dalle società antiche in campo tessile, cosmetico, medico e religioso.

In tutte le varietà esistenti ci sono diverse sostanze psicoattive, alcune stupefacenti, come il THC, cioè il tetraidrocannabinolo, in grado di rendere la piante illegale in molti paesi.
In modo particolare, per capire se la canapa è legale o meno, bisogna considerare proprio la concentrazione di tale sostanza, che non deve superare determinati limiti.

Possiamo dire che la cannabis legale, che può essere commercializzata non deve superare il limite dello 0,2%, mentre è possibile coltivarla fino allo 0,6%, come sottolineato anche dalla recente “circolare Salvini”

Non dobbiamo, inoltre, confondere la tipologia legalizzata con la cannabis terapeutica, che presenta concentrazioni più elevate di TCH, da utilizzare esclusivamente per uso medico.

Proviamo, in seguito, a fare un po’ di chiarezza in merito, analizzando la legge del 2016, e le novità in materia.

Canapa o cannabis?

Entrambi i termini si riferiscono alla stessa pianta, appartenente alla famiglia delle Cannanaceae. La differenza tra i due termini è solo lessicale, utilizzata per distinguere la variante psicoattiva, da quella con poco principio attivo.

Si tratta di una pianta particolare, che possiede due generi: maschile e femminile. 

Leggi Anche: La marijuana buona permessa per legge

In particolare:

  • canapa: è quasi priva di Thc o ne contiene in piccole quantità, viene utilizzata spesso per produrre alimenti, carta, tessuti, cosmetici e materiali per la bio-edilizia. Solitamente è quella maschile.
  • cannabis: ricca di Thc, con effetto psicoattivo, considerata una droga leggera e vietata in Italia, anche se in altri paesi del mondo è stata legalizzata. In genere è la tipologia femminile. 

Quando si parla di marijuana legale si fa quindi riferimento alla canapa o alla cannabis light.

Leggi Anche: Problemi con vicini: cosa fare

Le regole sono cambiate nel 2016, nel momento in cui è stata approvata la legge 242, che ha reso possibile la produzione e commercializzazione della variante depotenziata.

Cannabis legale: la legge del 2016

La famosissima legge 242 del 2016 è conosciuta come la normativa che ampliato l’utilizzo della canapa in italia. In effetti ha reso possibile la coltivazione e la vendita della pianta con basso contenuto di Thc, cioè con un limite di 0,2%, e una tolleranza che arriva allo 0,6%.

Leggi Anche: Guida sotto effetto di stupefacenti: le conseguenze

Quindi ora è possibile:

  • coltivare la cannabis light o depotenziata
  • commercializzarla nel mercato

Ciò significa che chiunque può coltivare tale pianta, se rispetta le regole imposte dal Governo. L’agricoltore, infatti, non ha alcuna responsabilità se si attiene alle indicazioni fornite. Se, invece, vengono sforati i limiti le autorità giudiziarie possono sequestrare o distruggere il raccolto.

Leggi Anche: Registrare telefonate: quando è legale?

Ovviamente, chi ha la volontà di intraprendere un business di questo tipo deve essere informato sulle documentazioni da presentare per svolgere tutto con la massima correttezza. 

Innanzitutto è obbligatorio conservare le carte relative all’acquisto dei semi, per almeno 12 mesi, per potere dimostrare di avere seguito le regole in merito ai limiti di Thc. 

Leggi Anche: Separazione consensuale in Comune: quando è possibile?

Le autorità hanno il diritto e il dovere di controllare le piante, rilevanti un campione, per verificarne la legalità.Nel caso in cui i valori non fossero quelli imposti, la piantagione può essere distrutta o sequestrata. Ma, il proprietario non è responsabile né civilmente né penalmente.

Tale decisione è stata fatta per incentivare la coltivazione di canapa, in quanto porta dei vantaggi ambientali significativi al territorio, come possiamo leggere nella legge stessa:

Leggi Anche: Il tradimento e la vendetta

La presente legge reca norme per il sostegno e la promozione della coltivazione e della filiera della canapa (Cannabis sativa L.), quale coltura in grado di contribuire alla riduzione dell'impatto ambientale in agricoltura, alla riduzione del consumo dei suoli e della desertificazione e alla perdita di biodiversita', nonche' come coltura da impiegare quale possibile sostituto di colture eccedentarie e come coltura da rotazione

Leggi Anche: Consenso informato: cos’è e come funziona?

Per quanto riguarda la vendita, il discorso è diverso, e i rischi sono maggiori. Ogni prodotto commercializzato nei cosiddetti grow shop deve avere un’etichetta esplicativa con i relativi valori. Se esiste una discrepanza tra il contenuto e quanto dichiarato nella confezione, si rischia un procedimento penale

Leggi Anche: Messa in mora: cos'è e come funziona?

Inoltre, c’è da considerare il fatto che la gurisprudenza italiana considera come sostanza stupefacente la cannabis con una quantità di Thc pari allo 0,5%, quindi la forbice di tolleranza tra lo 0,2 % e lo 0,6% è valido solamente per i soggetti menzionati nella legge 242, cioè gli agricoltori. Tale concetto è stato espresso recentemente dalla “circolare Salvini”.

Leggi Anche: Reato di minaccia: cosa prevede la legge?

Cannabis legale: quali sono gli usi?

Abbiamo detto che, a partire dal 2016 è possibile coltivare la cannabis legale, ma come viene utilizzata poi?

Secondo la normativa, la pianta può essere usata per diversi scopi, ad esempio:

Leggi Anche: Avvocato per divorzio: è sempre necessario?

  • come ingrediente in ambito alimentare, per il pane, la pasta, i biscotti, l’olio, ricco di proteine e con un ottimo bilanciamento tra omega 3 e 6
  • nel settore cosmetico
  • nella produzione di abbigliamento, le fibre infatti sono particolarmente resistenti
  • nella bio edilizia, grazie al suo potere isolante

E’ vietato l’uso personale ricreativo, considerato illegale a tutti gli effetti. 

La vendita può essere fatta senza la necessità di autorizzazioni particolari, se non quelle classiche per aprire una nuova attività. Per questo motivo possiamo notare che, nelle nostre città sono nati diversi grow shop negli ultimi anni, e anche i tabacchini la possono offrire.

La cannabis terapeutica

E’ doveroso precisare che la marijuana legale non è la stessa cosa della cannabis terapeutica.

In Italia, si può usare la marijuana per determinate patologie, in base a quanto stabilito nel “Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope”.

Anche in questo settore le polemiche e le controversie sono state molte, e ci sono tuttora. 

In ogni caso nel 2007 il Ministero della Salute ha riconosciuto l’utilizzo dei cannabinoidi per le terapie del dolore e come supporto alle cure standard. 

A tale scopo devono essere importati prodotti solamente dai paesi legittimati, e possono essere coltivati in Italia solamente presso lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.

La vendita viene fatta attraverso le farmacie, esclusivamente su ricetta medica. 

La cannabis illegale

Dopo avere chiarito cosa si intende per cannabis legale, bisogna sottolineare quali sono le conseguenze per l’utilizzo di quella illegale, cioè con alta concentrazione di Thc.

Possedere marijuana per scopi personali non costituisce un reato, ma un illecito amministrativo, e sono previste le seguenti sanzioni:

  • sospensione della patente 
  • sospensione del porto d’armi o divieto di conseguirlo
  • sospensione del passaporto, e del permesso di soggiorno

Ovviamente le conseguenze sono peggiori se a causa degli effetti della cannabis si creano danni, come ad esempio degli incidenti stradali.

  • CANNABIS
  • CANNABIS LEGALE
  • CANAPA LEGALE
  • MARIJUANA LEGALE