Avvocato360 Logo
Cerchi un avvocato esperto in Sanzioni Amministrative?
Contatta avvocati
Scrivici il tuo caso: lo analizzeremo e ti metteremo in contatto con l'Avvocato più preparato nella tua zona.

Richiesta inviata con successo.

Verrai contattato e riceverai i nostri preventivi entro 24 ore.

Invio richiesta in corso...

Prescrizione multe: quali sono i termini?

Prescrizione multe: quali sono i termini?

La prescrizione delle multe dopo quanti anni si verifica? A partire da quale data iniziano a decorrere i termini utili? Quando si interrompe lo scorrere del tempo? Proviamo a rispondere insieme a queste domande.

Quando comunemente si parla di multa, si fa riferimento alla cosiddetta sanzione amministrativa pecuniaria prevista in caso di violazione alla norme del Codice della Strada. Spesso, comunque, oltre a una somma da pagare sono prevista anche delle misure accessorie come la sospensione o revoca della patente e il fermo amministrativo del veicolo.

Sono legittimati a contestare una contravvenzione i carabinieri, la guardia di finanza, la polizia di stato, la polizia stradale, provinciale e comunale, e gli ausiliari del traffico.

Ma cosa avviene avviene esattamente quando un soggetto riceve una multa? Entro quando deve essere pagata? Può essere contestata? Quando cade in prescrizione? 

La notifica delle multe

Un automobilista può essere multato in due diversi modalità:

  • in modo immediato, nel momento in cui viene fermato da un agente autorizzato
  • in modo differito, quando il verbale viene notificato in un secondo momento

Nel primo caso, il soggetto viene bloccato da un carabiniere o poliziotto, viene compilato subito il verbale e quindi notificata la multa da pagare. Nel documento vengono riportate tutte le informazioni inerenti al fatto compiuto e alle generalità dell’interessato. Ad ogni modo quest’ultimo non è obbligato a firmare il verbale, anche se i fatti non cambiano, visto che inizieranno comunque a decorrere i tempi per effettuare il pagamento, per il ricorso e per la prescrizione.

Leggi Anche: Prescrizione crediti: quali sono le scadenze?

Se, però, il trasgressore non è il proprietario del veicolo, deve essere inviata una notifica anche a quest’ultimo entro 100 giorni, dato che si tratta di un soggetto obbligato in solido.

In alcuni casi, comunque, non è possibile fermare subito il trasgressore, per questo motivo la documentazione viene inviata in modo differito. In particolare l’atto deve essere notificato entro 90 giorni dall’avvenimento, con una raccomandata o PEC.

Per i residenti all’estero le tempistiche diventano di 360 giorni.
A volte il responsabile dell’infrazione, potrebbe essere un soggetto diverso dal proprietario del veicolo, ma se non è possibile fermare subito il trasgressore, la notifica viene inviata direttamente alla persona obbligata in solido.

In modo particolare non è possibile notificare immediatamente una multa nei seguenti casi:

  • non si può fermare un’auto che corre a velocità troppo elevata
  • l’auto passa con il semaforo rosso a un incrocio
  • viene effettuato un sorpasso vietato
  • veicolo lasciato incustodito
  • violazione fatta tramite strumenti tecnici come l’autovelox
  • accesso in zona ZTL

Leggi Anche: Cartella esattoriale: come fare ricorso?

La contravvenzione, comunque, per essere valida deve arrivare al destinatario entro i termini che abbiamo specificato. In caso contrario il soggetto può fare ricorso.

Bisogna considerare però la data di spedizione e non di ricezione, visto che eventuali ritardi potrebbero essere causati dalle poste e non dagli uffici amministrativi.

La prescrizione delle multe

Se non vengono rispettate le scadenze che abbiamo evidenziato nel precedente paragrafo, il cittadino può chiedere di annullare la contravvenzione ed evitare così di pagare la cifra in oggetto.

Ma, il ricorso non è l’unico modo per sperare di non dovere sostenere tale pagamento. Nel diritto infatti esiste la prescrizione, valida anche nel caso di multe per infrazioni al Codice della Strada.

Leggi Anche: Prescrizione bollo auto: quando avviene?

In particolare la Pubblica Amministrazione può riscuotere le sanzioni entro 5 anni. Quindi se in tale periodo non vengono notificati ulteriori atti, quindi non viene fatto valere alcun diritto, la sanzione si prescrive, e non potrà essere chiesto più nulla al trasgressore.

Sebbene possa sembrare strano, non si tratta di una possibilità remota, dato che, molto spesso gli uffici amministrativi si riducono all’ultimo momento per inviare i solleciti e gli atti, e può accadere che vengano spediti oltre il termine consentito.

E’ però, molto importante capire quando inizia a decorrere il tempo utile, ovvero:

  • la data della notifica diretta della multa
  • la data della notifica tramite raccomandata della multa

Va precisato, comunque, che nell’arco dei 5 anni l’automobilista non deve ricevere solleciti di pagamento o altri atti, in quanto tali azioni implicano di iniziare a conteggiare nuovamente, da capo, i 5 anni.

In sostanza la prescrizione viene utilizzata in giurisprudenza, per evitare che le controversie rimangano aperte per un periodo di tempo indefinito. Il legislatore ha, infatti, considerato che, se un diritto non viene fatto valere, significa che l’interessato non ha più interessi a riguardo, quindi si può chiudere la pratica.

Quando si interrompe la prescrizione di una multa?

Abbiamo già accennato prima che, il decorso del termine per la prescrizione delle multe può interrompersi se la P.A. compie un atto e fa valere i propri diritti. In questo caso è necessario ripartire da capo con il conteggio dei 5 anni.

Leggi Anche: Estratto di ruolo: come impugnare atti illegittimi?

Quindi, ogni volta che il trasgressore riceve un sollecito di pagamento, il conteggio riparte da zero.

Inoltre, l’interruzione può verificarsi anche a seguito del ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace effettuato dall’automobilista per contestare il verbale ricevuto. 

Lo stesso discorso vale in merito alla ricezione della Cartella di pagamento inviata dall’Agente della riscossione, per riscuotere il credito.

Come fare valere la prescrizione delle multe?

Nelle righe precedenti abbiamo illustrato quali sono i termini per la prescrizione delle multe, e in quali casi vengono interrotti e ricalcolati nuovamente, vediamo ora cosa può fare un cittadino per fare valere la prescrizione.

Diciamo subito che, se il notifica del verbale non viene fatta entro i 90 giorni, si parla di decadenza e può essere richiesta nei seguenti modi:

  • presentando domanda di sgravio alla polizia, attraverso l’autotutela
  • facendo ricorso al Prefetto
  • facendo ricorso al Giudice di Pace

In caso contrario il verbale si autoconvalida e non sarà più possibile contestarlo in futuro.

E’ possibile fare valere la prescrizione delle multe quando vengono notificate con molto ritardo, quindi dopo 5 anni dal fatto, in questo caso le modalità per agire sono le stesse che abbiamo elencato sopra.

Ma, è possibile richiederlo anche dopo l’arrivo della cartella di pagamento, se è trascorso troppo tempo.

  • SANZIONI AMMINISTRATIVE
  • MULTE
  • PRESCRIZIONE MULTE

Potrebbe interessarti