Alcune città dove trovi i migliori avvocati esperti in Circolazione stradale

Seleziona la città in cui cercare l'avvocato tra quelle sottostanti.

La tua città non è nell'elenco? Scrivila direttamente tu nel box in alto!


Circolazione stradale: che cosa si intende?

Il concetto di circolazione stradale disciplinato dall'articolo 20154 del Codice civile, include anche la posizione di arresto del veicolo e ciò in relazione sia all’ingombro da esso determinato sugli spazi addetti alla circolazione stradale, sia alle operazioni propedeutiche alla partenza o connesse alla fermata, sia, ancora, rispetto a tutte le operazioni che il veicolo è destinato a compiere e per il quale può circolare sulle strade.

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con l'ordinanza n.27759 del 22 novembre 2017, ha precisato che, nel concetto di circolazione stradale, rientrano anche la sosta del veicolo e le operazioni di carico/scarico merci dal veicolo stesso.

Violazione del Codice della Strada e circolazione stradale 

Conoscere le norme inserite nel Codice della Strada consente non solo di evitare il pagamento delle tanto fastidiose multe, ma anche di evitare pericolosi incidenti stradali che ogni anno causano un numero troppo elevato di vittime.

Nell'ambito della circolazione stradale, la multa per eccesso di velocità è senza dubbio una della più frequenti nel nostro Paese, i limiti di velocità non sono sempre uguali, ma cambiano in base al tipo di strada che si percorre, e al tipo di mezzo che si sta guidando.

Alcune violazioni del codice della strada sono considerate dei reati, punibili quindi più severamente, data la loro gravità. La differenza tra una semplice violazione del codice della strada che funge da illecito amministrativo e il reato è evidente in quanto nel primo caso è prevista una pena pecuniaria, mentre nel secondo ci può essere anche l’arresto.

Circolazione stradale: che cosa fare in caso di multa

La multa è una sanzione amministrativa di tipo pecuniario, che si riceve a fronte di un comportamento scorretto, che ha violato uno o più articoli del Codice della strada. Oltre a una cifra da pagare, possono esserci anche sanzioni accessorie collegate all’illecito, come ad esempio il ritiro o la sospensione della patente, e la decurtazione dei punti. 

Si tratta di un incubo per molti italiani che viaggiano spesso in auto e non rispettano le regole stabilite dalla legge per la circolazione stradale. A volte però, posso arrivare delle multe illegittime e infondate, spedite per errore, o contenenti dei vizi di forma, in questo caso è possibile difendersi e far valere i propri diritti facendo ricorso.