Alcune città dove trovi i migliori avvocati esperti in Trasporti

Seleziona la città in cui cercare l'avvocato tra quelle sottostanti.

La tua città non è nell'elenco? Scrivila direttamente tu nel box in alto!


Trasporti: il contratto

L’art. 1678 del codice civile sottolinea che il vettore deve trasferire cose o persone da un luogo di partenza a uno di destinazione. Da tale contratto sorgono obblighi in capo al vettore e al committente. 

La disciplina si applica anche ai trasporti aerei, marittimi e ferroviari tenendo in considerazione anche le leggi specifiche dei diversi settori.

Il vettore è responsabile per l’inadempimento o per il ritardo nell’esecuzione, pertanto chi ha subito dei danni può chiedere un risarcimento dimostrando il nesso di causalità tra il danno stesso e l’inadempimento.

Diritto dei trasporti: assistenza legale

Uno studio legale può fornire supporto per tutte le questioni inerenti al contratto di trasporto, dalla redazione del contratto stesso, fino alla fase contenziosa.

I clienti possono coprire l’intera filiera logistica:

  • spedizionieri;
  • vettori;
  • interessati al carico;
  • assicuratori;
  •  broker assicurativi;
  • P&I Club;
  • Autorità Portuali;
  • imprese terminaliste e aeroportuali.

Tra gli incarichi più frequenti ci sono: assistenze nelle dispute sul carico, dagli aventi diritto, dagli assicuratori, dagli spedizionieri, dai vettori o terminalisti; redazione di contratti di rete; assistenza per agevolare il recupero dei corrispettivi non pagati dal vettore; dispute giudiziali per il risarcimento danni.

La consulenza legale può essere sia giudiziale che stragiudiziale, sia nazionale che internazionale, inerente a diverse tipologie di trasporto.

Generalmente gli avvocati competenti in materia possono offrire anche supporto per quanto riguarda il Codice della Strada e quindi il trasporto su gomma. È possibile proporre ricorsi nei confronti di verbali non corretti o illegittimi e opposizioni a sanzioni amministrative (OSA).

Di particolare rilevanza è anche la corretta gestione del cronotachigrafo, che deve essere installato sui mezzi di trasporto merci con peso superiore a 3,5 tonnellate o sui mezzi dediti al trasporto di oltre 9 persone.

Dai rilevamenti devono risultare valori in linea con le norme per quanto riguarda i tempi di guida e la distanza percorsa.