Avvocato360 Logo
Cerchi un avvocato esperto in Diritto penale?
Contatta avvocati
Scrivici il tuo caso: lo analizzeremo e ti metteremo in contatto con l'Avvocato più preparato nella tua zona.

Richiesta inviata con successo.

Verrai contattato e riceverai i nostri preventivi entro 24 ore.

Invio richiesta in corso...

Penale

21/06/2019

Che cos'è il diritto penale?

di Redazione avvocato360
Che cos'è il diritto penale?

Diritto penale: che cos'è? Quali leggi sono al suo interno? E' la branca del diritto pubblico che comprende l'insieme delle norme giuridiche che disciplinano comportamenti illeciti per i quali è prevista una sanzione penale ai sensi dell'art. 17 c.p.

​Che cos'è il diritto penale?

Come detto, il diritto penale è l'insieme delle norme che regolamentano tutti i comportamenti illeciti per cui è prevista una pena come la reclusione, l'ergastolo e che comprende, ovviamente, anche delitti o per cui è previsto l'arresto e ammenda per le contravvenzioni. E' disciplinato nel codice penale ed in molte leggi speciali che prevedono reati e che infliggono pene afflittive.

Leggi Anche: Rinvio a giudizio: cos'è e quando viene richiesto?

Il diritto penale, dunque, è caratterizzato dalla presenza di un reato che molto spesso viene - erroneamente - definito reato penale. Ogni reato, infatti, secondo quanto previsto dal diritto vigente in Italia, non può essere definito diversamente se non con una rilevanza penale: un reato, in sostanza è per forza penale.

Che differenza c'è tra diritto penale e diritto civile?

La differenza principale fra il diritto penale ed il diritto civile è che il primo, a differenza del secondo, non opera per regolare i rapporti fra i privati ma disciplina le modalità di sanzione e di repressione di illeciti ritenuti particolarmente gravi da parte dello Stato.

Leggi Anche: Riabilitazione penale

Il fatto di prevedere se un illecito possa costituire un reato e sia quindi regolamentato dal diritto penale è una scelta politica ed è fatta dal Legislatore. per fare un esempio, il Codice della Strada, all'art. 186, sancisce che la guida in stato di ebbrezza, nel caso di superamento di alcuni limiti di alcol per litro di sangue costituisce un reato; al di sotto di questa soglia, invece, questo fatto rappresenta solamente un illecito amministrativo ed è per questo sanzionato solamente con una sanzione amministrativa.

Leggi Anche: Nonnismo: come difendersi?

Qual è quindi la differenza fra reato ed illecito amministrativo?

La differenza fra reato ed illecito amministrativo non è per nulla scontata né di poco conto. Nel secondo caso, infatti, una persona non sarà mai indagata (e quindi sottoposta ad indagine per la commissione di un illecito penale) né imputato - ovvero parte di un processo penale ed a cui viene contestata la commissione di un reato in seguito a rinvio a giudizio.

Leggi Anche: Giudice onorario: chi è e cosa fa?

A fronte di questa netta distinzione, appare molto evidente come, socialmente, sia molto più grave essere o essere stati oggetto di sanzioni penali anziché sanzioni amministrative (come ad esempio, di nuovo in materia di Codice della Strada, per divieto di sosta).

Al tra distinzione, all'interno del diritto penale, è quella da fare fra delitto e contravvenzione. Queste ultime sono meno gravi e sono solitamente sanzionate con ammenda ed arresto. I primi, invece, sono ben più gravi e sono sanzionati con multa e reclusione. La distinzione, seppur possa sembrare di poco conto, è invece molto importante con riferimento alla fase processuale disciplinata dal codice di procedura penale.

Leggi Anche: Denuncia cautelativa: cos'è e come funziona?

Denuncia, condizioni di procedibilità e querela

Alcune contravvenzioni ed alcuni delitti sono procedibili attraverso la querela di parte: si pensi per esempio a chi ha subito minacce o ingiurie o diffamazione: avrà facoltà di proporre querela e fare in modo che lo Stato, attraverso il suo meccanismo processuale, si attivi per commisurare una pena adeguata a carico di chi ha commesso il reato. Inoltre, la querela, prevede che ci possa essere - in alcuni casi - anche il risarcimento del danno attraverso la costituzione di parte civile (in base ai risvolti civilistici che può avere il reato).

Leggi Anche: Diritto di ripensamento: quando e come può essere esercitato?

Diritto penale: come scegliere l'avvocato giusto

Vista la complessità della materia trattata e la gravità delle pene inflitte, è fondamentale cercare un ottimo avvocato penalista che conosca perfettamente la materia e che sia preparato per la causa in cui siete parte.

Per capire chi è un avvocato penalista e come scegliere quello giusto, è fondamentale essere informati. Un buon avvocato penalista non è solo preparato ma conosce perfettamente l'argomento specifico del reato per cui è chiamato a difendere. Allo stesso modo, però, deve trasmettere tranquillità al cliente e deve sempre essere in grado di aggiornare il cliente sugli sviluppi del caso consigliando, in ogni momento, le mosse giuste da fare al fine processuale. 

Per questi motivi, è importante fissare il primo appuntamento direttamente in studio dall'avvocato in modo che questi abbia a portata di mano tutti gli strumenti utili ad inquadrare al meglio il caso e fornirvi i primi consigli utili su come procedere. E' per questo che noi di Avvocato360 abbiamo approfondito l'argomento mettendo a disposizione una guida che vi indicherà chi è l'avvocato penalista e come scegliere quello giusto.

  • DIRITTO PENALE
  • QUERELA
  • RECLUSIONE
  • AVVOCATO PENALISTA
  • REATO
  • ILLECITO AMMINISTRATIVO
  • DELITTO
  • ERGASTOLO